Ford F-150: americano fino all’osso

Il sito cars.com ha consegnato, per il secondo anno consecutivo, il premio di veicolo più americano dell’intero parco circolante al noto best seller Ford: l’F-150. L’appellativo di “most American Made Vehicle” è il frutto di un rapporto stilato annualmente da cars.com attraverso cui viene generato un report con l’American Made Index.

IMG_1635.JPG

In pratica, le regole che sovrintendono il calcolo del veicolo più americano si basano sulla composizione delle parti del veicolo stesso, la location dove il veicolo viene costruito e le sue vendite sul suolo americano. Per quanto riguarda i componenti, affinché un mezzo possa essere considerato ai fini della classifica, almeno il 75% delle parti che lo compongono deve essere costruito negli States. Il Ford F-150 che viene costruito nelle linee di assemblaggio di Kansas City, nel Missouri, e di Dearborn nel Michigan si è aggiudicato il premio per il secondo anno di fila, come già anticipato. In America, c’è un veicolo che ha sempre rappresentato una sfida per tutti, almeno sotto il punto di vista fin qui analizzato: la Toyota Camry costruita a Georgetown nel Kentucky e a Lafayette nell’Indiana. Bene, superare la Camry, che rappresenta un modello storico del mercato statunitense, è un grande risultato. Che poi a vincere sia un truck (pickup) è ancora più strabiliante. La classifica si compone di 10 veicoli in tutto e quest’anno i pickup che correvano per il premio erano tre: oltre all’F-150, sono stati considerati il Toyota Tundra, finito quinto, e l’Honda Ridgeline, arrivato solo ottavo.