smart, nuovi orizzonti

smart fortwo 66 kW, bodypanels lava orange (metallic), tridion cell black, Line prime

smart, nuovi orizzonti. Smart ha presentato la Fortwo e la Forfour da 70 e 90 CV dotate della nuova trasmissione Twinamic a sei rapporti a doppia frizione. Noi ci siamo concentrati soprattutto sulla versione quattro posti che apre senz’altro nuove prospettive di utilizzo per questa vettura.

Smart tiene fede alla propria filosofia di icona moderna e al passo con i tempi vantando una rapida evoluzione della gamma che a soli sei mesi dal lancio propone un listino con dieci combinazioni di motore/cambio, quattro delle quali dotate del cambio a doppia frizione Twinamic a 6 rapporti disponibile sulle versioni Fortwo e Forfour da 70 e 90 CV con un sovrapprezzo rispettivamente di 1.275 e 1.425 euro. E in attesa della ulteriore evoluzione della “specie”, con l’arrivo a breve (al Salone di Francoforte) della Cabrio, della quale ci è stata mostrata un’anteprima, della “cattiva” Brabus e della ED Full Electric, questo rappresenta un ottimo presente per la Smart, soprattutto sui mercati asiatico e statunitense, che avevano mal digerito il vecchio cambio robotizzato un po’ “scalciante” ma più in generale con il nuovo interessante pacchetto composto dalla versione più potente del tre cilindri turbo da 90 cv montato su telaio cinque porte e quattro posti. Un insieme che apre nuove orizzonti alla piccola ‘fraulein’ fino a ora considerata una cittadina per eccellenza.

NON SOLO CITTÀ

Per la nostra prova, infatti, ci siamo orientati proprio verso questa nuova versione che potremmo definire più globale. Perché certamente la Smart deve gran parte del proprio successo alla versione “originale” più compatta in grado di garantire parcheggi altrimenti destinati a restare un miraggio, prova ne sia che la presentazione di questa ultima novità è avvenuta a Colonia, considerata una città particolarmente congestionata dal traffico e per questo ad alta densità di Smart per le quali si calcola una “popolazione” di una ogni cento abitanti, ma crediamo che la quattro posti più potente possa davvero rappresentare una alternativa di automobile più fruibile potendo affiancare alle doti di “sopravvivenza” nella giungla cittadina quelle di viaggiatrice anche per tragitti extraurbani.

smart Fortwo e Forfour cambio Twinamic
La smart Forfour se la cava egregiamente nel caotico traffico metropolitano, ma non solo.

VAI COL LISCIO

Nel traffico cittadino le dimensioni compatte garantiscono agilità, mentre l’accoppiata fra il tre cilindri turbo, accreditato di 90 CV a 5.500 giri/min e una coppia di 135 Nm già disponibile a 2.500 giri/min, e la trasmissione Twinamic con innesti a doppia frizione consente di adottare a seconda delle esigenze una guida rilassata in modalità “economica”, a tutto vantaggio dei consumi (sul ciclo misto abbiamo spuntato un buon 6,1 km/lt), che può diventare più brillante in modalità “sport”. In ogni caso una marcia fluida, patendo solo un po’ nelle partenze da fermo. Le manovre sono poi agevolate dal maggiore angolo di sterzo e da una buona visibilità generale.

COMFORT E DIVERTIMENTO

Ancora più divertente si è rivelata la guida nei tratti misti extraurbani sia in modalità automatica “sport”, con la gestione del cambio pronta a far girare fin quasi 6.000 giri/min il tre cilindri teutonico per spremerne il massimo ma anche puntuale nello scalare il rapporto in rilascio all’ingresso di curva per garantire il giusto tiro per non mettere in crisi un assetto che pur non votato alla sportività assoluta assicura precisione sia in ingresso che percorrenza di curva e buon feeling sul volante. Minore il feeling, invece, sul pedale del freno: la frenata è bella tosta, anzi nonostante i tamburi al posteriore ci ha meravigliato lo spazio di rallentamento in una frenata brusca per rispettare un semaforo giallo, ma il pedale ha la corsa lunga e offre la sensazione di spugnosità che non agevola la perfetta modulazione soprattutto nelle lievi frenate cittadine.

smart Fortwo e Forfour cambio Twinamic
Uno dei paddle al volante del cambio Twinamic a doppia frizione

Abbiamo approfittato del tratto misto per mettere alla prova il cambio anche in modalità sequenziale manuale e anche in questo caso si è rivelato all’altezza della situazione, con rapidi cambi di marcia sia in salita che in scalata, con l’unico neo dell’azione contraria (come del resto sulla maggior parte delle vetture) rispetto a quello che suggerirebbe la fisica: cioè tirare la leva all’indietro per salire di rapporto e spingerla in avanti per scalare. In questo caso sarebbero stati utili i paddle al volante, disponibili come optional. L’altra avvertenza da utilizzare nei tratti misti è quella di preparare con cura i sorpassi, perché pur garantendo una buona progressione il tre cilindri tedesco non vanta una accelerazione bruciante, come testimoniano gli 11,9” nello 0-100 km/h (con cambio Twinamic). Assolutamente apprezzabile, invece, il comfort di marcia sia sulle strade extraurbane sia nei tratti autostradali, anche quelli liberi dove abbiamo potuto mollare la briglia sfiorando i 165 km/h di velocità massima dichiarata. Alla voce comfort non fa una grinza l’abitabilità anche dei posti posteriori, ovviamente facendo riferimento alle dimensioni compatte della vettura (3.495 mm di lunghezza per 1.665 di larghezza), mentre in caso di viaggi in compagnia sarà necessario ridurre al minimo il guardaroba dati i soli 185 lt di bagagliaio.

PICCOLA PREMIUM

Sul nostro mercato, dove la cinque porte ottiene il 60% dei consensi, i prezzi partono dai 12.820 euro della Smart Forfour 60 Youngster per arrivare alla Forfour 90 Turbo Twinamic in allestimento “prime” (12.080 e 17.760 rispettivamente per le equivalenti versioni Fortwo), che tra gli altri può vantare volante multifunzione a tre razze, sedili riscaldabili in pelle, sensori di parcheggio, smartphone connection, cerchi in lega bicolore da 15”, fari C-Led. Se poi si vuole anche il tettuccio apribile, la telecamera di retromarcia ed i sistemi Lane Keeping Assist e Forward Collision Alert il prezzo finale può lievitare oltre la soglia dei 20.000 euro, che certamente non si può definire economico per una city car, ma qui parliamo di una vettura che nel suo segmento si può considerare una vera Premium.

smart Fortwo e Forfour cambio Twinamic
la smart fortwo, medicina ideale per sconfiggere il traffico cittadino