RENAULT, SPAZIO ALL' X-MOD

20183_HD__19F71446Pur riprendendo le qualità che hanno portato al successo le prime due generazioni e la recente New Scénic, X-Mod si differenzia nettamente da quest’ultima, reinterpretando il concetto di monovolume e presentandosi come “dynamic activity vehicle”: carattere sportivo, stile e comportamento stradale da berlina, abbinati a grande flessibilità di utilizzo. Il modello beneficia della pluriennale esperienza dello stabilimento Renault di Douai, dove sono state prodotte le prime due generazioni di Scénic.

X-Mod adotta linee fluide che collegano la parte anteriore al posteriore dell’auto. Il suo dinamismo si esprime attraverso una calandra suddivisa in tre parti, in linea con New Mégane Coupé: due prese d’aria dinamiche laterali, con finiture in cromo satinato, e una presa d’aria centrale, valorizzata da una traversa in tinta nero opaco. I proiettori, disposti nell’asse delle due prese d’aria, conferiscono una spiccata personalità. Il movimento a fiamma sotto i proiettori è prolungato da una linea di spigolo filante che rende dinamico il profilo; questa sensazione è accentuata dal padiglione spiovente e dall’inclinazione del lunotto.

I gruppi ottici posteriori, in due parti, sono a forma di boomerang; rivolti verso il bagagliaio, contrariamente a quelli di New Renault Scénic orientati in avanti, sono esclusivi di X-Mod, con un design che accentua il carattere propulsivo del posteriore e conferisce visivamente maggior assetto all’auto. Scénic X-Mod esprime robustezza, grazie ai parafanghi anteriori arrotondati e alle spalle solide. Le larghe carreggiate (1.545 mm all’anteriore e 1.547 mm posteriormente) le conferiscono assetto e stabilità. Proporzioni, design della fascia laterale e larghe superfici delle porte trasmettono un senso di protezione. Nell’abitacolo, il posto guida è armonioso e spazioso, con i comandi necessari alla guida e alla vita a bordo raggruppati intorno al volante e sulla console centrale, per liberare spazio ed esaltare l’abitabilità.

La qualità dei materiali e degli assemblaggi è stata oggetto di un accurato lavoro all’interno, fin dal primo livello di equipaggiamento: la plancia beneficia di un rivestimento morbido al tatto. Una particolare attenzione è stata dedicata agli elementi decorativi, tra cui le modanature o le diverse finiture, in modo da ottenere ambienti diversi e differenzianti in funzione dei livelli di equipaggiamento, permettendo di scegliere tra un ambiente beige/marrone, elegante e disinvolto, e un ambiente più scuro, dalla connotazione sportiva. Questo design dinamico e robusto, che caratterizza oggi i modelli della nuova famiglia Mégane, preannuncia il piacere di vita a bordo. Renault Scénic X-Mod si caratterizza per un comportamento stradale da berlina, sportivo e prevedibile al tempo stesso, offrendo, così, un piacere di guida inedito sul segmento.

Con una lunghezza di 4,34 m, pari a 8 cm in più rispetto al precedente modello, Scénic X-Mod è stata progettata per essere compatta e assicurare, al tempo stesso, il massimo comfort di vita a bordo per tutti i passeggeri, riprendendo le carte vincenti che hanno portato al successo Scénic I e II. X-Mod beneficia di numerosi equipaggiamenti tecnologici che facilitano la guida e la vita a bordo, tra cui, di serie su tutta la gamma, un cruscotto con schermo a colori multifunzionale TFT (Thin Film Transistor), il nuovo navigatore integrato Carminat TomTom® e, in opzione, l’assistenza sonora e visiva alle manovre di parcheggio, con telecamera di retromarcia. Scénic X-Mod dispone di un cruscotto con schermo a colori TFT (Thin Film Transistor) personalizzabile e di grande leggibilità. Questo schermo a colori ad alta risoluzione rende più chiare le informazioni visualizzate (velocità, contagiri, etc.) e gli allarmi, compresi quelli sonori, che vengono trasmessi automaticamente (stato del regolatore-limitatore di velocità, parti apribili, cinture di sicurezza non allacciate, pressione dei pneumatici e assistenza al parcheggio, che diventa visiva oltre che sonora). Il conducente accede facilmente e rapidamente al menù di personalizzazione, tramite un comando situato sulla parte anteriore dello schermo.

Oltre alla scelta della grafica di visualizzazione (sei ambienti disponibili), il menù di personalizzazione consente di attivare, disattivare o parametrare alcune funzionalità dell’auto, tra cui il volume sonoro dell’assistenza al parcheggio, la lingua o ancora la funzione di accensione automatica delle luci.

Renault Scénic X-Mod dispone di motorizzazioni e trasmissioni che soddisfano le nuove attese degli automobilisti, caratterizzate da costi di esercizio quotidiano inferiori del 20-30% rispetto alle generazioni precedenti e da un elevato rispetto dell’ambiente (motori già Euro 5 ). Le motorizzazioni dCi e TCe, profondamente rinnovate, conciliano sobrietà e piacere di guida e sono in grado di erogare, in qualunque circostanza, una riserva di coppia e potenza qualunque sia il tipo di sollecitazione, fin dai bassi regimi e su un ampio range di utilizzo. Con il nuovo propulsore TCe 130 (motore che equipaggia la versione LUXE che abbiamo provato), che rispetta anch’esso la normativa Euro5, Renault continua ad affermarsi nel campo del downsizing. Il 1.4 litri turbo a benzina TCE spinge che è un piacere. Sembra quasi muto, ma è sveglio, eccome, appena si sfiora l’acceleratore.

Il TCe 130 si dimostra particolarmente parsimonioso e rispettoso dell’ambiente, con un consumo in ciclo misto di 7,1 l/100 km (168 g CO2/km). Con la potenza di una motorizzazione 1.8 l (130 CV – 96 kW) e la coppia di una 2.0 (190 Nm), questo nuovo propulsore da 1.397 cm3 di cilindrata è abbinato a una trasmissione manuale a sei rapporti. Il TCe 130 si colloca, a sua volta, ai massimi livelli della categoria in termini di costi di esercizio e manutenzione. Gli intervalli tra cambi dell’olio sono distanziati a 30.000 km (oppure ogni 2 anni), il filtro dell’olio si sostituisce ogni 30.000 km (oppure ogni 2 anni), il filtro dell’aria ogni 90.000 km (o ogni 4 anni), le candele e la cinghia degli accessori ogni 120.000 km (oppure ogni 6 anni). Renault considera prioritarie le tecnologie più efficaci per prevenire, correggere e proteggere. Questa impostazione, fondata sull’incidentologia e la sicurezza reale, consente alla casa francese di proporre prodotti sempre adeguati alle realtà della strada come nel caso, evidentemente, di Scénic X-Mod.

Numerosi equipaggiamenti sono previsti per prevenire i rischi di incidenti: accensione automatica dei proiettori e attivazione dei tergicristalli, regolatore-limitatore di velocità, proiettori direzionali bixeno con orientamento degli anabbaglianti in curva, una tecnologia che contribuisce al comfort di guida notturna, migliorando la percezione del fondo stradale e accentuando l’illuminazione laterale, spia per cintura di sicurezza non allacciata (Seat Belt Reminder) per i posti anteriori ed allarme sonoro per le cinture di sicurezza ai posti posteriori. Il frontale di Scénic X-Mod ha beneficiato, a sua volta, di nuove soluzioni tecniche tese a migliorare la protezione dei pedoni in caso di urto: il paraurti ha subìto modifiche a livello di rigidità e spessore, per la protezione degli arti inferiori (assorbitori di urto a livello delle tibie e delle ginocchia); cofano e zona circostante (parafanghi, tergicristalli occultati, articolazione del cofano, disegno del rivestimento del cofano) sono stati oggetto di un particolare lavoro realizzato sulle rispettive capacità di assorbimento di energia. Il prezzo della Scénic X-Mod Luxe 1.4 TCe 130 CV è di 23.250 euro. Tra gli oprtional più interessanti segnaliamo l’assistenza al parcheggio anteriore e posteriore (con telecamera posteriore) 158 euro e i fari Bi-xeno direzionali, 658 euro.