Mercedes Classe E SW: ventata di freschezza

Mercedes Classe E SW

Mercedes Classe E SW: ventata di freschezza – La regina delle Station Wagon si rinnova togliendosi di dosso quell’aria da “cassettone” ed abbracciando una linea più dinamica e giovanile ma pur sempre elegante.

Sono passati ben 50 anni (1966) dal lancio della prima generazione (S123) della Mercedes Classe E SW, cinque decenni durante i quali la Station Wagon per antonomasia si è contraddistinta per la sua eleganza, la sua capacità di carico e di traino e per il suo comfort a bordo. Qualità che l’hanno resa famosa, nel bene o nel male, anche come carro funebre più utilizzato al mondo. Ora, giunta alla sesta generazione (S213), da un taglio netto con il passato presentandosi al grande pubblico come una famigliare più dinamica e più sportiva ma con la stessa ed inconfondibile eleganza.

Elegante sportività

Mercedes Classe E SW

Fin dal primo sguardo le somiglianze con la variante berlina appaiono chiare e ben definite. Dal cofano motore allungato fino al montante centrale si respira la stessa aria ma da qui in avanti il profilo slanciato, seguendo la linea sportiva del tetto, degrada verso la parte posteriore fino a confluire nella possente coda, elemento di netta distinzione tra la berlina e la famigliare. L’anteriore è dominato dall’enorme calandra cromata che sugli allestimenti Sport, Business Sport, AMG Line e Premium Plus è in versione sportiva con la grande Stella posizionata centralmente. Sull’allestimento Exclusive, invece, è in versione classica con la ormai ben nota Stella sul cofano. L’immagine generale è poi completata da sbalzi corti, un passo lungo, ruote generose, finestrini bassi e allungati e una linea di cintura alta che le regalano un look slanciato e dinamico. Completano il quadro una coda imponente, le spalle larghe sopra i passaruota, lo spoiler posteriore e le linee orizzontali del lunotto che ne accentuano la larghezza generale. La Station Wagon tedesca non è mai stata così tanto in forma prima d’ora!

Come in un grand hotel

Mercedes Classe E SW

Esattamente come per gli esterni anche negli interni le somiglianze con la variante berlina sono numerose. L’intero abitacolo è un tripudio di pelle di ottima fattura, radica opaca, plastiche di buona qualità e materiali pregiati in pure stile Mercedes. I comodi sedili, rivestiti di morbidissima pelle e trapuntati con cuciture a vista, sono regolabili elettricamente e consentono sia il riscaldamento che la climatizzazione. Climatizzazione che ora è stata estesa anche al tunnel centrale e ai poggiabraccia delle portiere. Se l’eleganza ed il comfort non mancano, la tecnologia ne fa da padrone. I due schermi ad altissima definizione da 12.3 pollici dislocati nella consolle centrale dietro al volante, i nuovi pulsanti a sfioramento Touch Control installati sul volante, il controller touchpad più rotella posizionato sul tunnel centrale ed i comandi vocali Voicetronic sono quanto di meglio la tecnologia attuale possa offrire.

Capiente e versatile

Mercedes Classe E SW

Altro punto che da sempre contraddistingue la Station Wagon di Stoccarda è l’ottima abitabilità e la grande capacità di carico e di traino. Anche sulla sesta generazione, nonostante la linea esterna più filante e sportiva, l’abitabilità interna è ottima con un’attenzione particolare per la testa, le gambe e i gomiti che nei sedili posteriori hanno ora un maggiore spazio vitale. Il bagagliaio, da sempre fiore all’occhiello, consente una capacità di carico variabile tra i 640 litri in configurazione base ed i 1820 litri con sedili completamente abbattuti. La stessa configurazione base può essere incrementata da 640 a 670 litri grazie alla funzione Package (di serie) che consente di portare gli schienali dei sedili posteriori in una posizione più verticale di circa 10 gradi. Merito poi delle sospensioni posteriori pneumatiche di serie fin dal livello base, la nuova Classe E SW è in grado di caricare fino a 745 kg mantenendo inalterata l’altezza da terra e il comportamento su strada. Infine, per la prima volta su questo segmento, è stato inserito un gancio di traino a scomparsa totalmente elettrico con attivazione tramite pulsante dall’interno dell’abitacolo.

Non vi resta che domandare

Mercedes Classe E SW

Se i servizi di base del Mercedes me connect, la chiamata di emergenza eCall o la funzionalità NFC (Near Field Communication) per il vostro smartphone non vi dovessero bastare, sappiate che da oggi potrete fare affidamento sul nuovo servizio Concierge di Mercedes Benz. Questo servizio saprà fornirvi tutta una serie di aiuti personalizzati come: prenotazione di ristoranti, percorsi turistici consigliati, segnalazione e prenotazione di manifestazioni sportive e culturali o l’invio di destinazioni di navigazione direttamente a bordo della vettura. Una volta registrati al servizio Mercedes me vi basterà infatti premere il tasto di richiesta informazioni, dislocato sul tetto vicino alla plafoniera delle luci, e porgere la domanda. L’assistente personale si occuperà di rispondere a ogni vostra richiesta o dubbio.

Ambientalista o petrolhead

Mercedes Classe E SW AMG

Fin da subito la Station Wagon tedesca sarà acquistabile in tre diverse motorizzazioni: un diesel e due benzina. Sul fronte dei diesel si potrà fare affidamento sul propulsore da 2.0 litri 4 cilindri turbo (E220d) che sviluppa ben 194 CV e 400 Nm di coppia massima. Sul fronte dei benzina la scelta ricadrà o sulla E200, un motore 2.0 litri 4 cilindri turbo da 184 CV e 300 Nm, o sulla E250, un motore da 2.0 litri 4 cilindri turbo da 211 CV e 350 Nm. Solo in seguito verranno aggiunte in gamma la E200d, un 2.0 litri turbodiesel da 150 CV e 360 Nm, la E350d, un 3.0 litri V6 turbodiesel da 258 CV e 620 Nm e la E400 4MATIC, un 3.5 litri V6 turbo benzina da 333 CV e 480 Nm. Tutti i modelli fin dal lancio saranno equipaggiati esclusivamente con il nuovo cambio automatico a convertitore di coppia 9G-Tronic mentre per il cambio manuale a 6 rapporti si dovrà aspettare la primavera del 2017. La gamma verrà completata con il primo step prestazionale marchiato AMG. Stiamo parlando della pepata E43 AMG 4MATIC che, grazie al suo 3.0 litri V6 biturbo benzina, sarà in grado di sviluppare ben 401 CV e 520 Nm. Naturalmente questa versione sarà equipaggiata con la trazione integrale 4MATIC Performance AMG, con il cambio automatico 9G-Tronic con tempi di innesto marcia più brevi e con l’assetto sportivo specifico AMG Ride Control.

L’imbarazzo della scelta

Mercedes Classe E SW AMG

Come per la sorella in versione sedan (berlina) anche per la Station Wagon la Casa di Stoccarda ha progettato ben cinque linee diverse di allestimenti: Sport, Business Sport, Exclusive, AMG Line e Premium Plus. A questi cinque allestimenti si affiancano poi tre diverse versioni (Avantgarde, Excusive e AMG Line) che permettono di personalizzare il design degli esterni e degli interni. Il già ricco equipaggiamento di serie dell’allestimento Sport può quindi essere ulteriormente incrementato optando per uno degli altri quattro allestimenti. L’allestimento Business Sport (+2.074 euro) rispetto alla Sport aggiunge infatti il Parking Pilot e il navigatore Garmin Map Pilot; l’allestimento Exclusive (+4471 euro) aggiunge i sedili in pelle ed il Mirror Pack; l’allestimento AMG Line (+8.339 euro) aggiunge il cerchio in lega da 19 pollici, il navigatore Comand, la strumentazione digitale, il Touchpad e l’Head Up display; infine l’allestimento Premium Plus (+15.379 euro) aggiunge i fari Multibeam Led, il tetto Panorama, la camera a 360° ed i sedili in pelle regolabili con memoria. Naturalmente la dotazione di sicurezza della Station Wagon premium tedesca prevede esattamente tutti i dispositivi già visti e provati sulla sorella in versione berlina. Si avvale insomma dell’Intelligent Drive next Level, una sorta di occhio vigile sulla vostra sicurezza che, grazie ai radar, alle telecamere mono e stereo e ai sensori ad ultrasuoni, permette alla tedesca di esibire una guida semi-automatica.

La qualità al giusto prezzo

Mercedes Classe E SW AMG

Una tale qualità e tecnologia ha giustamente un suo costo. La nuova Classe E SW potrà essere acquistata ad un prezzo di listino che parte dai 53.369 euro per la E200 benzina, sale ai 55.206 euro per la E220d e arriva ai 56.950 euro per la E250 benzina, tutte con allestimento Sport e cambio automatico. Optando per gli allestimenti superiori vi troverete a fare i conti con un prezzo finale leggermente più elevato, giustificato però dal più ricco equipaggiamento di serie. Solo a partire dal 8 ottobre 2016 sarà inoltre possibile acquistare la nuova Classe E SW nella motorizzazione 200d da 150 CV con cambio automatico ed allestimento Executive ad un prezzo di lancio di 47.500 euro. La Station Wagon tedesca è naturalmente già ordinabile ma sarà in concessionaria non prima di fine ottobre.

Qualitativamente superiore

Mercedes Classe E SW AMG

Ciò che ti lascia maggiormente di stucco alla guida della nuova Mercedes Classe E SW è l’elevato livello raggiunto in materia di comfort e silenziosità. Il silenzio più totale, la completa assenza di vibrazioni e il comfort offerto dalla seduta e dalle sospensioni sono un qualcosa che ha dell’incredibile. Difficilmente riuscirete a percepire una vibrazione, un fruscio o un rumore provenire sia dall’interno che dall’esterno anche viaggiando a velocità decisamente superiori a quelle previste dai limiti autostradali. L’ottimo lavoro di irrigidimento del telaio, l’apporto di nuovi cuscinetti e nuovi supporti motore, l’aerodinamica migliorata e l’impareggiabile lavoro svolto dalle sospensioni pneumatiche multicamera Airmatic regalano un comfort impareggiabile e una dinamica di guida molto più simile ad una sportiva che ad una grossa e lussuosa station wagon. Certo, le masse in gioco si percepiscono e la taratura, seppur in Sport+, rimane comunque confortevole ma il rollio è completamente azzerato e ogni minima asperità viene filtrata nel migliore dei modi. Se a questo poi aggiungiamo gli infiniti sistemi di assistenza alla guida, la premium tedesca si dimostra sempre sicura e stabile anche nelle condizioni più critiche. Il motore della prova (E350d), un 3.0 litri V6 turbo diesel da 258 CV e 620 Nm, ha una fluidità eccellente e tanta coppia da vendere. Con quei valori di coppia e potenza le prestazioni non mancano di certo ma si è fatto notare anche per una certa parsimonia in quanto a consumi di gasolio, molto più simili a motori di cubatura inferiore. Il cambio automatico a convertitore di coppia 9G-Tronic, fiore all’occhiello del Marchio, si è dimostrato come al solito impeccabile, fluido, veloce e mai nervoso nemmeno nella guida al limite. Lo sterzo con servoassistenza elettrica ci è parso morbido, lineare e consistente al punto giusto. I freni, infine, sono risultati buoni e non propensi alla fatica ma dal mordente iniziale fin troppo morbido.