Sfida all’ultimo ostacolo

Castrol Virtual Racers

Sfida all’ultimo ostacolo. In una sfida inedita dove si fondono tecnologia dei videogame e abilità di guida sportiva nel mondo reale, Castrol EDGE ha presentato oggi la sua ultima sfida Titanium Trial, un testa a testa tra due star internazionali della guida amanti dell’adrenalina: il professionista del Formula Drift Matt Powers e lo stunt driver Ben Collins (già noto come “The Stig”). L’emozionante competizione ha visto il giovane esordiente Matt Powers sfidare il più esperto Ben Collins su un circuito mai visto prima, dove entrambi si sono spinti al di là dei limiti del proprio talento. I due hanno gareggiato per conquistare la vittoria sull’asfalto assolato di Los Angeles, a bordo di una vera Ford Mustang V8 del 2015 con motore lubrificato da Castrol EDGE, mentre dai caschi Oculus Rift Kit di ultima generazione i piloti vedevano scorrere davanti a sé un pericoloso circuito virtuale in continua evoluzione, con pareti a strapiombo e curve mortali. Grazie alla fusione tra tecnologia dei videogiochi e abilità di guida professionali, le vetture hanno potuto reagire nel circuito del mondo reale. Per Matt è stata un’esperienza simile alla prova #VirtualDrift che ha affrontato a maggio 2015, anche se questa volta ha dovuto scontrarsi con un temibile avversario, oltre che con gli ostacoli disseminati in questo percorso futuristico.

Castrol Virtual Racers

Famoso per le sue apparizioni come “The Stig” nello show televisivo britannico Top Gear, in onda sulla BBC, Ben Collins è stato stunt driver negli ultimi film di James Bond, tra cui “Spectre”, appena uscito nelle sale, e ha dovuto mettere in campo la sua vasta esperienza di guida per affrontare un territorio di fatto inesplorato.

Castrol Virtual Racers

“Virtual Racers” costituisce l’episodio più recente dei Titanium Trial Castrol EDGE, una serie di sfide in pista ad alto livello che vedono la triade pilota-vettura-olio spingersi oltre i propri limiti. Le sfide possono contare sulla forza di Castrol EDGE potenziato con TITANIUM FST™, l’olio motore Castrol più resistente e tecnologicamente avanzato. A oggi, i Titanium Trial precedenti, Blackout e Virtual Drift, sono stati visti e seguiti da oltre 156 milioni di persone in tutto il mondo. Ben Collins, uno dei due concorrenti, ha così commentato:
“Ho partecipato a diverse gare entusiasmanti nel corso della mia carriera, ma questa le supera tutte. Le cose più difficili sono state acquisire dimestichezza con il mondo della realtà virtuale e lasciarmi andare davvero: abbassare il piede sull’acceleratore e affidarmi all’istinto più che alla razionalità. È davvero dura quando ogni singola parte del tuo corpo ti dice che quello che stai vedendo non è reale, ma tu sei ben consapevole di essere ancora alla guida di un’auto estremamente reale e lanciata a tutta velocità. Ma sapevo anche che, grazie a Castrol EDGE, l’olio motore sarebbe stato perfettamente all’altezza del compito”. Così si è espresso invece Matt Powers parlando della sua esperienza al volante:
“Mi è piaciuto molto indossare nuovamente il casco Castrol EDGE ed è stato pazzesco competere con una leggenda del volante come Ben, come se davvero ci trovassimo sullo stesso, fantascientifico circuito. È stato scioccante perdere la vittoria negli ultimissimi secondi, voglio certamente una rivincita, poco ma sicuro”. Il complesso codice di realtà virtuale utilizzato per dar vita alla sfida è stato sviluppato e messo a punto a Los Angeles, nel corso di tre mesi, da parte della coppia di esperti Adam Amaral e Glenn Snyder, che hanno dichiarato:
“Il lato davvero entusiasmante di questo progetto è che Castrol EDGE si serve della stessa tecnologia che le grandi marche automobilistiche utilizzano per le vetture autoguidate, imprimendole però una direzione nuova che, attraverso la fusione con il mondo virtuale, dà vita a qualcosa di totalmente originale e innovativo, ampliando i limiti del gaming e della competizione in pista. Una delle sfide più grandi affrontate nello sviluppo di questa tecnologia di competizione in tempo reale è stata quella di superare il problema della latenza e assicurarsi che non ci fosse bisogno di ricalibrazione per il tracciamento dei piloti. Il risultato raggiunto è una tecnologia di realtà virtuale che è quanto di più simile alla full immersion sia possibile ottenere oggi”. Lo YouTuber esperto di tecnologia Austin Evans si è così espresso: “Ciò che è davvero fantastico a proposito di Virtual Racers è vedere fino a dove Castrol EDGE si è spinta per realizzare questa sfida. Sarebbe stato molto più semplice fingere per creare un semplice filmato pubblicitario, invece hanno sviluppato una tecnologia di realtà virtuale completamente nuova che potrebbe davvero cambiare il futuro del gaming”.