Legge di Stabilità: novità per le auto

Legge di Stabilità
Codice della Strada

Legge di Stabilità: novità per le auto – Con il via libero definitivo da parte del Senato, la Legge di Stabilità 2016 è pronta ad entrare in vigore subito dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Tale legge porterà alcuni cambiamenti al Codice della Strada che potrebbero non essere graditi specie a quegli automobilisti un poco furbetti.

Si parte con un controllo a tappeto della Rca e della revisione periodica obbligatoria su tutte le auto. Infatti, d’ora in avanti, chiunque viaggerà senza assicurazione o con assicurazione scaduta oppure senza revisione o con la stessa scaduta , verrà beccato dall’occhio infallibile di autovelox, Tutor, varchi elettronici delle Zone a traffico limitato e di conseguenza immediatamente multato. Giusto il tempo necessario al Ministero dei Trasporti per aggiornare e omologare tutte le apparecchiature sparse sulla penisola ed il moderno sistema di controllo entrerà in vigore. Una sorta di Grande Fratello in grado non più solo di accertare le classiche infrazioni al Codice della Strada (semaforo rosso, eccesso di velocità, ecc ecc) ma di verificare alcune scadenze amministrative del nostro veicolo certamente non poco importanti. La tecnologia alla base è praticamente quasi identica a quella già utilizzata per il sistema Tutor. L’occhio elettronico rileva la targa del veicolo in questione e la invia alla Polizia, la quale potrà verificare lo stato della Rca e della revisione grazie ad una banca dati in cui confluiscono i dati delle varie compagnie assicuratrici e della Motorizzazione.

La nuova Legge di Stabilità dovrebbe, inoltre, chiarire una volta per tutte la questione delle targhe estere. Da ora in avanti si potrà, infatti, avere la radiazione per esportazione, quindi la cancellazione dal Pubblico Registro Automobilistico, solo tramite una effettiva re-immatricolazione per la circolazione del veicolo all’estero. Un passo in avanti contro il fenomeno della elusione della tassa automobilistica. Infine, grazie all’inserimento dei micro pagamenti tramite bancomat o carta di credito, la Legge di Stabilità del 2016 consentirà di pagare la sosta ai parcometri utilizzando le carte di credito tanto amate dai giovani ma un po’ meno amate dalle persone più anziane. L’ordinanza consentirà inoltre ai Comuni di poter adeguare i propri strumenti entro luglio 2016.