Da Continental dischi e pastiglie freno Galfer

Dischi e pastiglie freno Galfer

01low

“Le officine non dovranno più scegliere tra prodotti di fascia alta o più economica” ha esordito Peter Wagner, direttore vendite IAM (Indipendent After Market) di Continental. “Galfer rappresenta l’unione tra le due, permettendo di vendere prodotti di alta qualità a prezzi più accessibili e rispondenti al 100% alle esigenze di mercato”. Dunque Continental cerca di porsi in concorrenza con chi finora ha dominato il mercato delle pastiglie e dei dischi di ricambio in quella fascia di prodotto di elevate caratteristiche, definita ‘premium’, e nella quale è già presente con i prodotti Ate. Una fascia in cui la concorrenza si presenta sul mercato con prodotti il cui prezzo è però fino al 30% inferiore al prezzo del ricambio originale Ate. Per questo è nata la partnership col marchio Galfer, conosciuto e apprezzato nei mercati nei quali ci si vuole confrontare e col quale fare sinergia (i siti produttivi saranno in comune con Ate) mantenendo però posizioni ben separate.

 

03low

Galfer ha tutta l’esperienza e la capacità tecnica per poter fare parte del gruppo Continental che da parte sua mette a disposizione la sua rete di vendita, fortemente presente ovunque. La produzione sarà fatta in Europa, sfruttando i siti produttivi posti nelle aree più strategiche alla distribuzione. Secondo analisi compiute tra gli utenti delle vetture tedesche di qualità, Audi, BMW, Mercedes-Benz o VW per intenderci, quando questi si recano nell’officina per la sostituzione di dischi e pastiglie freno nei primi 3/4 anni di vita della vettura, prediligono il ricambio originale, sia per motivi di garanzia sia di mantenimento di un elevato valore residuo del mezzo. E’ un atteggiamento corretto, poiché normalmente le auto più nuove sono utilizzate per lavoro e hanno dunque un’alta percorrenza chilometrica. Quando l’auto vive la seconda fase della sua vita, ovvero tra i 5 e i 10 anni, è ancora richiesto un prodotto di qualità adeguata alla classe del veicolo ma a un prezzo più competitivo: è qui che subentra l’offerta del ricambio Galfer, più economico nell’acquisto ma pur sempre di qualità.

 

Le pastiglie freno Galfer sono costituite da mescole di prima qualità incollate a un sottostrato (underlayer in inglese) che le isola dal supporto metallico. Questo processo associa alle prestazioni pure della mescola anche l’assenza di vibrazioni e rumorosità, fattori che spesso affliggono i prodotti aftermarket più economici. Stesso discorso per i dischi, che devono essere costituiti da un materiale compatibile con le mescole delle pastiglie per avere un consumo proporzionato. Oltre a questo il disco deve essere omogeneo, non deformarsi con la temperatura, essere bilanciato e adeguatamente protetto dagli agenti atmosferici. Tutte caratteristiche tipiche dei prodotti Ate che si ritrovano anche nei Galfer. Per quanto riguarda le omologazioni, Continental garantisce per il prodotto Galfer un iter analogo a quello dei prodotti Ate. Ricordiamo che la normativa ECE R90, che deve essere rispettata per legge, consta di un minimo di 14 prove che per i prodotti Ate salgono a 37 e per quelli Galfer, che si collocano nel mezzo, sono pari a 20. Dunque maggior severità rispetto al minimo richiesto. Per quanto riguarda la qualità, i controlli di processo cui sono sottoposti i prodotti Ate sono gli stessi dei Galfer.

06low