MOTOR SHOW 2010, START YOUR ENGINE

g_277201010487È stata presentata questa mattina la 35a edizione del Motor Show di Bologna, Salone Internazionale dell’Automobile che si svolgerà a BolognaFiere dal 4 al 12 dicembre 2010. Il 2 dicembre sarà la giornata dedicata alla stampa, mentre il 3 dicembre l’ingresso sarà riservato a giornalisti e operatori economici. Il Motor Show 2010 avrà una dimensione internazionale garantita dalla presenza nel calendario ufficiale OICA (Organisation Internationale des Constructeurs d’Automobiles) confermandosi così l’unica manifestazione automotive per il mercato italiano e tra quelle di vertice a livello mondiale. La presentazione dell’evento è stata aperta da un intervento del presidente del Centro Studi Promotor GL events Gian Primo Quagliano.

A inquadrare il Motor Show nel particolare momento del settore automotive è l’amministratore delegato di GL events Italia – società organizzatrice del Salone – Giada Michetti: “Sono felice di presentare quello che per noi è un grande successo, ovvero la 35^ edizione del Motor Show di Bologna. E consentitemi di dire che realizzare quest’anno un Motor Show premium inserito nel calendario Oica è un notevole risultato anche per il mercato automobilistico italiano e per il Paese che conserva una grande esposizione motoristica internazionale. La profonda crisi che ha colpito il mercato mondiale dell’automobile ha dimostrato che nessun Paese della terra intende rinunciare all’industria delle quattro ruote. Non a caso molti Governi non solo hanno varato incentivi ecologici per sostenere la domanda, ma sono anche intervenuti direttamente a sostegno dell’industria nel periodo di crisi. Gli Stati Uniti hanno erogato alla loro industria 24,4 miliardi di dollari, la Francia 8,5 miliardi di euro, la Germania 3,5 miliardi di euro e la Spagna 1,91 miliardi di euro. L’Italia nulla, in quanto si è limitata ad adottare soltanto incentivi alla domanda come peraltro hanno fatto anche tutti gli altri Paesi citati.

Nonostante l’impegno dei governi la crisi quindi ha riportato indietro i volumi produttivi, ma con grandi differenze tra area e area. Nel 2009 la produzione di autovetture nel mondo è scesa ad un livello intermedio tra quella del 2005 e del 2006, in Europa occidentale è tornata ai livelli del 1985 e in Italia addirittura è scesa ai livelli del 1961.

Lo sviluppo del mercato dell’auto si sta spostando sempre più verso i paesi emergenti, mentre i mercati maturi vedono ridursi progressivamente la loro incidenza. Non solo il mercato degli Stati Uniti, ma anche quello del Giappone (tra il 2008 e il 2009 la produzione è passata da 9.928.000 unità a 6.862.000), e soprattutto il mercato europeo. Infatti in Europa Occidentale l’anno scorso sono state prodotte appena 11.037.000 milioni di autovetture contro i 14.216.000 milioni del 2007. È quindi l’Europa l’area del mondo dove è concentrata gran parte della sovracapacità produttiva.

Per l’auto lo scenario mondiale è oggi molto diversificato: vi sono Paesi in cui la crisi è passata senza lasciare traccia e in cui il processo di motorizzazione di massa è in pieno sviluppo, come Cina, India, Brasile e Russia, e vi sono altri Paesi in cui la crisi è stata forte ma il mercato è già in ripresa. E vi sono però l’Europa, ed in particolare l’Italia, dove l’effetto della crisi si sta pienamente manifestando nella seconda parte del 2010. In questo scenario ancora molto difficile, ma comunque di cambiamento e quindi stimolante, anche il mondo dei saloni e delle fiere ha bisogno di essere profondamente ripensato. La nostra mission come organizzatori vede grandi potenzialità di affermazione dove il processo di motorizzazione non è ancora maturo e in pieno sviluppo: non a caso siamo stati chiamati a organizzare dal 26 al 29 gennaio 2011 il primo salone dell’auto di Doha nel Qatar e abbiamo avuto contatti in Brasile e India, Paesi che ospitano saloni dell’auto statici e dove emerge un grande entusiasmo per la formula – assolutamente esclusiva – della nostra manifestazione.

In questo scenario, il 35° Motor Show di Bologna apre con la presenza di circa il 90% delle quote di mercato che operano in Italia e mantenendo tutte le caratteristiche che negli anni lo hanno reso unico: la parte espositiva insieme ad un fitto programma di test drive, gare e competizioni sportive sulle aree esterne. Come ricorderete, la situazione era ben diversa lo scorso anno. Quando a fine settembre 2009 le Case auto ci comunicarono ufficialmente che non sarebbero state presenti al Motor Show, la prospettiva per noi era quella di fare come altri saloni dell’auto ed altre fiere avevano già fatto o avrebbero fatto poi: cancellare la manifestazione. Con un atto di coraggio siamo invece andati avanti puntando sulla formula sport&show con l’intenzione di rispettare il mercato italiano e soprattutto il nostro pubblico di appassionati. La prova dei fatti ha dimostrato che la decisione era giusta e il nostro pubblico ci ha seguito. Nel 2010 qualche segnale di ripresa si è manifestato, ma per tornare al livello di sviluppo pre-crisi la strada è ancora lunga, forse molto lunga. Nel settore delle fiere i tempi sono ancora durissimi”.

L’obiettivo dell’amministratore delegato Giada Michetti si è poi spostato sui temi del Motor Show 2010: “Abbiamo lavorato per realizzare un Motor Show premium che vede 47 anteprime fra mondiali, europee e nazionali: verranno presentate in una manifestazione che genera, direttamente o indirettamente, un giro di affari di 971 milioni di euro includendo la ricaduta sul territorio e l’impatto della manifestazione sulle vendite che – molto prudenzialmente – abbiamo stimato nel 2% del fatturato annuo per la vendita di autovetture.

Abbiamo chiesto anche alla Doxa – ben 2 volte e l’ultima nei giorni scorsi – di condurre un’inchiesta su un campione rappresentativo di italiani per sondarne sia la propensione a visitare il Motor Show sia quella ad acquistare auto: il 5% del campione, corrispondente a 2,6 milioni di adulti, ha dichiarato che intende visitare il Motor Show e tra questi il 56% ha detto che lo ritiene utile per la scelta di acquisto della propria auto. Anche il numero di coloro che sono ancora in forse sul visitare o meno la manifestazione è elevato: oltre 2 milioni di persone. Un altro dato interessante che emerge è la quota di popolazione che intende acquistare una nuova auto nel 2011: sono circa 6,8 milioni di persone corrispondenti al 13% della popolazione adulta, e potrebbero aumentare ancora se venissero adottati nuovi incentivi. Un altro 11% del campione, corrispondente a 4,8 milioni di persone, dichiara che acquisterebbe un’auto nel 2011. Naturalmente non tutte le intenzioni si traducono in visite al Motor Show o in acquisti di nuovi prodotti, ma, considerato il rapporto che normalmente vi è tra intenzioni e comportamenti, siamo molto fiduciosi per l’affluenza di pubblico al Motor Show e anche per l’andamento del mercato dell’auto – esclusi i primi mesi del 2011 – il segnale non è negativo.

A illustrare le caratteristiche di questa edizione del Motor Show di Bologna è stata Simona Sandrini, Automotive Events Manager di GL events Italia:

“Quest’anno al Motor Show lanciamo Electric City ‘powered by Enel’, un intero padiglione – il 30 – nel quale troverà posto una sezione espositiva con 8 Case automobilistiche che, raddoppiando il proprio sforzo di partecipazione e il proprio spazio espositivo, esporranno il top della gamma elettrica marciante e daranno al pubblico la possibilità di provare le vetture in un’inedita area indoor dedicata ai test drive.

Ci sarà poi Racing Professional Motor Show, al padiglione 33 dal 2 al 4 dicembre, un’iniziativa business to business dedicata al motorsport professionale e riservata agli operatori economici di settore. Il Paddock Show, al padiglione 36, è un’altra iniziativa legata al motorsport ma di taglio consumer nella quali i team legati al mondo racing saranno presenti con i propri motorhome per incontrare operatori e pubblico. Tra le novità c’è Business Class, un biglietto all inclusive che a un costo superiore include un pacchetto di servizi privilegiati legati alla visita al Salone.

Otto le aree esterne, inclusa l’arena Motorsport quest’anno titolata da Mobil 1 che proporrà Abarth e Ford: le attività di test drive saranno gestite da Aci, Fiat, Kia-Brc, Renault, Dacia, Gruppo Volkswagen, sia coi brand Skoda, Seat e Volkswagen che con i suoi veicoli commerciali.

Intenso anche il programma gare, con 44 eventi delle diverse discipline sportive in soli 9 giorni, tra cui la giornata dedicata interamente a Ferrari dell’8 dicembre e il grande rally con il Findomestic Memorial Bettega, espressione del Mondiale Rally.

A chiudere la conferenza stampa era previsto un intervento di Mobil 1, l’Azienda che in questa edizione del Motor Show titola l’Arena gare e che ha scelto di cedere la parola a un rappresentante di Aisla, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, Vincenzo Soverino, per un messaggio di sensibilizzazione sulle attività di questa onlus che promuove la ricerca e l’informazione sulla Sla.

TUTTE LE PROTAGONISTE

In questa edizione del Salone saranno presenti il 90% delle Case automobilistiche. Ecco la disposizione nei singoli padiglioni. Al padiglione 21 sono di scena Renault e Dacia, Isuzu DR e Great Wall. Il padiglione 22 ospita Opel, Kia e Bubble. Sapore tutto italiano per il padiglione 25: al suo interno tutti i marchi del Gruppo Fiat, ovvero Abarth, Alfa Romeo, Ferrari, Fiat, Lancia, Maserati e le ultime arrivate Chrysler e Jeep. Fiat è presente anche con Autonomy, il programma di mobilità per persone diversamente abili. Al padiglione 26 espongono il Gruppo Daimler, con i brand Mercedes e smart, Land Rover, Volvo, Tata, Mitsubishi e Ssangyong. All’interno del padiglione 29 spazio a Ford e al Gruppo Psa (Peugeot e Citroën). Il padiglione 30 è il regno dell’elettrico con Electric City, l’iniziativa inedita dedicata alla mobilità elettrica che si snoderà all’interno di una scenografica ambientazione urbana. Al padiglione 31 il padrone di casa è il Gruppo Volkswagen (Seat, Skoda, Volkswagen e Audi). Il padiglione 32 ospita i marchi Hyundai e Nissan. Un’area del padiglione 33 dal 2 al 4 dicembre è dedicata al Racing Professional Motor Show, la nuova iniziativa business to business dedicata al motorsport professionale, riservata agli operatori economici del settore. Il mondo Racing sarà protagonista dell’intero padiglione per tutta la durata della manifestazione, con gli spazi espositivi delle scuderie e delle aziende del settore. Il padiglione 35 viene come sempre dedicato alla zona paddock dell’area gare, quest’anno titolata Mobil 1 Arena, che ospita gli eventi sportivi e le esibizioni in programma al Motor Show 2010. Il padiglione 36 è invece riservato al Paddock Show: questo spazio sarà uno speciale luogo d’incontro tra i team Racing, presenti con i propri motorhome, gli operatori e il pubblico della manifestazione.

47 ANTEPRIME

Nonostante in Italia il mercato automotive stia attrabversando un momento difficile, l’impegno delle Case è grande per presentare le proprie novità di prodotto. A questa 35a edizione sono 47 le novità di prodotto: tra queste, sei sono debutti assoluti a livello mondiale, firmati Opel (nuove Antara e Corsa), Ferrari (458 Challenge), Peugeot ( EX1 Concept),  e 36 a livello nazionale.e DR (DR1 Elettrica e DR3). Cinque sono novità per il mercato europeo, presentate da Land Rover (Range Rover Evoque 5 porte), Great Wall (Kulla Concept, Steed 5, Voleex) e Bubble (Bubble).

LE AREE ESTERNE DEL MOTOR SHOW 2010

Ecco nel dettaglio le otto aree esterne della 35a edizione del Motor Show di Bologna:

AREA 48 – MOBIL 1 ARENA: Come di consueto, numerosi test drive andranno in scena anche sull’area gare, titolata quest’anno Mobil 1 Arena: oltre al calendario di competizioni sportive, eventi ed esibizioni, la Mobil 1 Arena ospiterà i test drive di Abarth e Ford. I visitatori del Motor Show avranno la possibilità di provare le vetture direttamente sulla pista teatro delle gare: dal 4 al 6 dicembre e dal 10 al 12 dicembre Abarth metterà a disposizione del pubblico la 500 Assetto Corse e la 500 Rally, mentre Ford effettuerà il Fiesta R2 Day, quattro sessioni di test drive da trenta minuti ciascuna con la Ford Fiesta R2, nella giornata di venerdì 10 dicembre.

AREA 46 – ACI: Il tradizionale appuntamento con l’Automobile Club d’Italia accende i riflettori sulla sicurezza stradale coinvolgendo in prima persona il pubblico del Motor Show: con l’aiuto degli istruttori della Scuola di Guida Sicura ACI si sale a bordo dei modelli Mini-BMW, per una prova pratica di guida sicura. Dopo il test drive si visita “M.e-mo”‚ il motorhome multimediale dell’Aci, che propone un avveniristico simulatore di guida di Formula Uno, un megaschermo esterno e 12 monitor al plasma dove si alternano alcuni filmati spettacolari: dai crash-test alle corse automobilistiche, da video storici ai consigli di guida. In quest’area inoltre saranno illustrate al pubblico le novità e le eccellenze dell’ Automobile Club d’Italia nel campo della mobilità e della tecnologia per la sicurezza stradale, oltre alle numerose proposte associative dell’ACI e all’innovativo progetto Ready2Go per la formazione dei futuri patentati.

AREA 45, FIAT: Quest’area sarà interamente dedicata al test drive di Fiat 500 TwinAir. Per tutta la durata del Salone il pubblico del Motor Show potrà guidare la Fiat 500 equipaggiata con il motore bicilindrico TwinAir da 85 cv  gioiello della tecnologia sviluppata da Fiat Powertrain Technologies che assicura il 25% in più di potenza riducendo i consumi  e le emissioni e i del 15% (rispetto al 1.2 da 69 CV). Il motore TwinAir sarà inoltre protagonista al padiglione 25 sullo stand della Casa automobilistica torinese anche a bordo delle nuove versioni di 500 tutte dotate di sistema Start&Stop di serie.

AREA 42/2 – KIA-BRC: Su questo spazio viene allestito un circuito di prova sul quale è possibile effettuare test di guida con l’intera gamma “eco” di Kia, equipaggiata con motori alimentati a GPL. Sullo stesso tracciato saranno disponibili anche le vetture protagoniste del Trofeo “Green Scout Cup”che si disputerà‚l’anno prossimo. Questa iniziativa, frutto della collaborazione fra Kia Motors Italia e BRC, rappresenta in assoluto il primo caso di un Campionato Italiano di velocità in pista – riconosciuto dalla CSAI – riservato a vetture con alimentazione a GPL. In particolare, saranno impegnate in gara speciali versioni da competizione della “Venga 1.6”, allestite dal BRC Racing Team, una specifica divisione della BRC Gas Equipment, l’azienda leader che fornisce impianti di primo equipaggiamento GPL dei modelli Kia.

AREA 44 – RENAULT: Questa area esterna sarà suddivisa in tre parti, a seconda delle peculiarità del test drive relative ai modelli delle auto impiegate.

Ci sarà il Polo sportivo, che prevede diversi tipi di test drive, dalle prove di slalom cronometrate a prove di frenata, il Polo 4CONTROL, dove le prove prodotto saranno volte a far conoscere i benefici e le performance del sistema 4CONTROL a quattro ruote sterzanti, e il Polo Gamma, che fornirà al pubblico informazioni di Eco-Guida, da mettere poi subito in pratica attraverso una “prova consumo”. Come guest star saranno presenti in esposizione statica la Monoposto F1 Renault R30 e Twingo R2 Gordini, versione destinata ai Rally.

AREA 47/1 – DACIA: Sarà un test drive 4×4 quello proposto da Dacia su quest’ area adiacente all’altra area esterna dell’universo Renault, la 44: l’area 47/1 presenterà un’ambientazione naturale off-road e sarà interamente dedicata a Duster, la Suv 4×4 di Dacia robusto, abitabile e dal design “aggressivo”che evidenzia il DNA da fuoristrada, senza penalizzare il comfort su strada.

AREA 49 – SEAT-SKODA-VOLKSWAGEN: Oltre all’area esterna 42/1, dedicata a Volkswagen Veicoli Commerciali, il Gruppo Volkswagen è presente nell’area 49, dove offrirà al pubblico la possibilità di effettuare test drive con vetture dei brand SEAT, Skoda e Volkswagen. Sarà allestito un percorso con tanto di slalom nel quale saranno impegnate SEAT Ibiza Bocanegra, una versione che riprende la Bocanegra, il modello 1200 Sport che fece furore circa 35 anni fa, SEAT Ibiza Cupra, denominazione che contraddistingue le SEAT più potenti e grintose, SEAT Ibiza FR (acronimo che sta per Formula Racing), Skoda Fabia RS, sportiva due volumi della marca ceca, la potente e dinamica Volkswagen Polo GTI e Volkswagen Cross Polo, vettura dal sapore off-road.

AREA 42/1 -VOLKSWAGEN VEICOLI COMMERCIALI: In quest’area ci sarà la possibilità di effettuare test drive con veicoli commerciali del gruppo Volkswagen, nella fattispecie con Volkswagen Amarok, un pick-up completo e versatile, pensato per il lavoro e anche per il tempo libero. Il pick-up Amarok sarà impegnato in uno speciale percorso off-road che metterà in evidenza tutte le caratteristiche della vettura.