Ford Focus ST: le performance anzitutto

Ford Focus ST

La nuova Focus ST, che fa propri ed esalta i driving dynamics della Focus di quarta generazione, sarà disponibile, per il mercato italiano, nella sola versione cinque porte. La nuova piattaforma C2 globale dell’Ovale Blu, è arricchita da configurazioni esclusive per le sospensioni, i freni e le trasmissioni, ottimizzate per rendere l’esperienza di guida, al volante della Focus ST, la più reattiva e agile di sempre: sia su strada sia su pista. Una nuova gamma di motorizzazioni mette a disposizione dei conducenti fino al 12% in più di potenza e il 17% in più di coppia, rispetto alla precedente generazione di Focus ST. I nuovi propulsori, il benzina EcoBoost da 280 CV e il diesel 2.0 EcoBlue da 190 CV offrono una vasta gamma di potenze e coppia su tutti i regimi, per prestazioni sportive ad alta velocità.La prima applicazione Ford di un differenziale elettronico a slittamento limitato  (eLSD) per una vettura trazione anteriore, migliora ulteriormente l’ingresso in curva e la stabilità per questa versione potenziata del motore EcoBoost: grazie a un monitoraggio continuo, gli attuatori intervengono preventivamente ottimizzando la trazione su tutte le superfici e per i vari input del conducente.

Sarà possibile scegliere tra una trasmissione manuale a 6 o automatica a 7 rapporti, mentre, per la prima volta, disponibili a bordo di Focus ST anche i Drive Modes che consentono di modulare il carattere del veicolo in base allo scenario di guida. Inoltre, per le versioni EcoBoost 5 porte, smorzatori a controllo progressivo (Continuously Controlled Damping), migliorano la risposta delle sospensioni posteriori indipendenti, con configurazione a bracci oscillanti di lunghezza variabile (SLA). La nuova Focus ST sarà prodotta presso lo stabilimento Ford di Saarlouis, in Germania, a fronte di un investimento di 600 milioni di euro, utilizzando i migliori processi produttivi del settore, che garantiscono la migliore qualità e lavorazione di stampo artigianale.

Potenza e reattività

A spingere la nuova Focus ST sarà una generazione rinnovata del benzina 2.3 EcoBoost, interamente in alluminio, la più potente mai offerta per questo modello. Grazie all’avanzata tecnologia di sovralimentazione che gli permette di scaricare a terra 280 CV a 5.500 giri/min, raggiunge 420 Nm di coppia tra 3.000 e 4.000 giri/min. Il 2.3 EcoBoost è anche il motore Focus ST più free-revving in assoluto, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 6 secondi. La risposta del motore è migliorata grazie a un turbocompressore a bassa inerzia che sfrutta l’energia dei gas di scarico in modo più efficace, utilizzando canali separati per ridurre al minimo l’interferenza tra gli impulsi del gas. Una elettrovalvola regola il flusso dei gas di scarico e consente un controllo più accurato delle pressioni di spinta per ottimizzare le prestazioni del motore. La Focus ST è dotata di un’innovativa tecnologia che riduce il ritardo di risposta, sviluppata per la supercar Ford GT e per il pick-up Raptor F-150, che conferisce un’erogazione di potenza rapida nelle modalità Sport e Track. La tecnologia tiene aperta la valvola di aspirazione anche quando il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore per mantenere alta la velocità di rotazione del compressore, consentendo di avere prontamente pressione di spinta a ogni richiesta.

Il 2.0 EcoBlue da 190 CV, il motore diesel più potente mai offerto su una Focus, raggiunge la massima potenza a 3.500 giri/min e 400 Nm di coppia tra 2.000 e 3.000 giri/min (360 ​​Nm da 1.500 giri/min), garantendo un’accelerazione precisa e immediata. Un turbocompressore a bassa inerzia e geometria variabile, pistoni in acciaio per una minore dilatazione alle alte temperature e un sistema di aspirazione integrato con valvole disposte in modo speculare per una combustione ottimizzata, consentono di ottenere un motore diesel che eroga il 10% in più di potenza e più del doppio della coppia rispetto al precedente motore benzina 2.0 Duratec, presente sulla prima generazione della Focus ST.

La trasmissione manuale a 6 rapporti della nuova Focus ST consente cambi di marcia più immediati, esaltando la sensazione di sportività. Inoltre, la tecnologia rev-matching, che ha debuttato sulla nuova Ford Mustang, è stata introdotta all’interno di un Performance Pack in option per i modelli 2.3 EcoBoost a trasmissione manuale. Questa tecnologia, che garantisce un cambio di marcia più fluido e una scalata più rapida, è accompagnata da un indicatore luminoso, che utilizza il sistema di gestione elettronica del motore per dare un piccolo “colpo” di acceleratore quando il conducente sceglie una marcia più bassa, facendo corrispondere la velocità di rotazione del motore con quella della marcia che deve essere inserita.

A completare l’esperienza di guida gratificante, completa, coinvolgente e sportiva del motore EcoBoost da 2,3 litri, è una nuova variante a 7 marce della trasmissione automatica Ford. La differenziazione delle marce è stata progettata per migliorare le prestazioni, mentre la funzione Adaptive Shift Scheduling, che valuta lo stile di guida per ottimizzare i tempi di cambio marcia, è stata rinnovata per offrire maggiore versatilità nell’uso su strada e su pista. E’ possibile selezionare manualmente le marce tramite i paddle al volante.

Driving Dynamics potenziati, grazie alla tecnologia

La nuova Focus ST, che fa propri ed esalta i driving dynamics della Focus di quarta generazione, è stata sviluppata per offrire agli appassionati le prestazioni entusiasmanti di una hot-hatchback, abbinate allo stile più sofisticato e quotidiano di una family car ed essere protagonista su strada come su pista. La configurazione SLA delle sospensioni aiuta a ottimizzare la risposta dinamica della vettura ai vari input del conducente senza sacrificare il comfort. Il carattere sportivo ed energico della versione standard di Focus viene mantenuto grazie all’utilizzo delle specifiche originali delle molle, con rigidezza degli smorzatori incrementata del 20% nell’avantreno e del 13% nel retrotreno e altezza di marcia ridotta di 10 mm per migliorarne la tenuta di strada e le prestazioni in tutte le condizioni. La sofisticata tecnologia Continuously Controlled Damping (CCD) di Ford è offerta all’interno del Performance Pack per le versioni EcoBoost e monitora ogni 2 millisecondi l’altezza delle sospensioni, la posizione della scocca e gli input di sterzo e di frenata per regolare lo smorzamento, per ottenere un’eccezionale qualità di guida ed elevate prestazioni dinamiche. L’esperienza di guida è ulteriormente migliorata, grazie al differenziale elettronico a slittamento limitato (eLSD) presente sui modelli 2.3 EcoBoost della nuova Focus ST. Incorporato nella trasmissione, il sistema utilizza una frizione, attivata idraulicamente, per limitare la coppia trasmessa sulla ruota che si trova su una superficie a bassa aderenza e ridistribuirla, fino al 100%, sulla ruota con aderenza maggiore, al fine di contrastare un eventuale slittamento che potrebbe limitare l’accelerazione durante la percorrenza e l’uscita in curva. Sui modelli equipaggiati con il diesel 2.0 EcoBlue, inoltre, è introdotta la tecnologia di Controllo dinamico della trazione in curva (Torque Vectoring Control) che agisce sui freni per controllare la velocità di rotazione tra le ruote all’interno della curva. La nuova Focus ST eredita la più reattiva corona di sterzo dall’acclamata Fiesta ST. Il sistema del servosterzo elettronico è più rapido del 15% rispetto alla versione standard di Focus e richiede solo 2 giri completi per coprire l’intero raggio di sterzo. L’eccezionale sensazione di aderenza è garantita da una geometria unica dello sterzo, caratterizzata da un punto di attacco spostato in avanti di 9 mm e in alto di 6.5 mm rispetto alla versione standard di Focus. Il nuovo software Steering Torque Disturbance Reduction, inoltre, contribuisce a ridurre la coppia necessaria, rendendo più agevole e precisa la distribuzione della potenza e della coppia motrice tramite gli pneumatici dedicati Michelin Pilot Sport 4S.

I freni anteriori e posteriori maggiorati costituiscono la base per ottenere un sistema frenante ad alte prestazioni, con potenza di arresto migliorata. Le dimensioni del disco anteriore sono aumentate fino a 330 x 27 mm e le pinze sono dotate di doppio pistoncino. I dischi posteriori ora misurano 302 x 11 mm. Le prestazioni frenanti della nuova Focus ST sono state verificate utilizzando le stesse gravose procedure di test della supercar Ford GT, ottenendo performance in termini di resistenza all’affievolimento quasi quattro volte superiori rispetto alla precedente Focus ST.

L’architettura C2 del servofreno elettronico (EBB) conferma i suoi vantaggi anche applicata sulla Focus ST. La tecnologia genera pressione nell’impianto frenante più rapidamente rispetto a un sistema idraulico tradizionale, per una sensazione di guida più sicura in ogni tipo di situazione. Questo significa che il sistema è in grado sia di supportare le brusche variazioni di frenata durante la guida ad alte prestazioni, sia di regolare la sensibilità e la dinamica in funzione della modalità di guida selezionata. Inoltre, le modalità di guida Slippery/Wet, Normal, Sport e, per i modelli equipaggiati con il Performance Pack, Track adattano, a seconda delle necessità, eLSD, CCD, EPAS, la regolazione automatica della trasmissione, il controllo elettronico della stabilità (ESC), l’Electronic Sound Enhancement (ESE) e le condizioni climatiche per adeguarsi completamente allo scenario di guida. Il pulsante Sport sul volante a fondo piatto, consente l’accesso diretto alla rispettiva modalità, mentre l’ulteriore pulsante Mode permette ai conducenti di scorrere rapidamente le diverse opzioni dei Drive Modes.

Il tradizionale cluster della Focus ST trova una sua nuova esecuzione, più contemporanea, ispirata alla supercar Ford GT. Gli indicatori della pressione e della temperatura dell’olio sono ora digitali e visualizzabili sul display a colori TFT da 4.2 pollici Ford Performance. Per i modelli equipaggiati con 2.3 EcoBoost, all’interno del Performance Pack, il motore integra ilLaunch Control che permette di effettuare partenze brucianti da fermi, senza rischiare di far slittare le ruote, garantendo la massima accelerazione.

Forma e funzionalità si incontrano

Sviluppata per essere funzionale e divertente da guidare, la nuova Focus ST sfrutta l’abitabilità e l’eleganza della classica gamma Focus e presenta interni raffinati che bilanciano la praticità di un uso quotidiano, con quello di un vero e proprio utilizzo sportivo in pista. Gli ingegneri del Team Ford Performance hanno perfezionato il posizionamento dei sedili anteriori Recaro per aumentare la sensazione di controllo del conducente, mentre la tecnologia ESE amplifica il motore e il sound dello scarico quando l’auto si trova nelle modalità Sport e Track, aumentando la sensazione di guida sportiva. Supporti motore ottimizzati e telaio isolato, insieme alla tecnologia CCD, accrescono il comfort per tutti gli occupanti. L’abitabilità è garantita con spazi maggiori per le spalle nella parte anteriore e per le ginocchia in quella posteriore (best in class nel segmento di appartenenza). Oltre al volante sportivo e ai sedili Recaro color ebano, che prevedono la possibilità di scegliere tra diversi tessuti pregiati, pelle o pelle parziale e i materiali Miko Dinamica, gli esclusivi interni Focus ST ne intensificano l’atmosfera sportiva con l’aggiunta di un pomello e battitacco in alluminio con finitura ST, pedali in lega, elementi decorativi metallici esagonali in argento satinato e impunture in metal grey per i sedili, gli inserti delle portiere e le imbottiture laterali della console centrale. Il design della nuova Focus ST, che riprende le linee dell’ultima generazione di Focus, ne esalta l’anima sportiva, con accorgimenti stilistici funzionali, oltre all’esclusivo design dei cerchi in lega. La griglia anteriore superiore e inferiore è stata ottimizzata per aumentarne la capacità di raffreddamento mentre gli elementi alari inferiori più pronunciati convogliano i flussi nelle prese d’aria, per migliorarne le prestazioni aerodinamiche.

Lo spoiler più ampio e più inclinato aumenta la deportanza per supportare i driving dynamics della Focus ST. La configurazione degli scarichi a doppia uscita, che si posizionano ai lati del diffusore posteriore, oggi, ancora più aggressivo, ne migliora la praticità rendendo possibile il traino, prima impedito dalla scelta dei terminali centrali della generazione precedente della Focus ST. Il Performance Pack aggiunge anche pinze dei freni in colore rosso. Le tonalità disponibili per gli esterni scelte per enfatizzare lo stile dinamico della nuova Focus ST includono l’esclusivo Ford Performance Blue e l’Orange Fury, accanto al Frozen White, il Magnetic grey, il Race Red, il Ruby Red e lo Shadow Black. Per i cerchi in lega sono previsti i modelli Dark Sparkle e Magnetite da 18 pollici, quest’ultimo disponibile anche nella versione da 19 pollici. Anche la nuova Focus ST beneficia della gamma di tecnologie di assistenza alla guida di Ford, che hanno permesso alla Focus di aggiudicarsi 13 riconoscimenti e le 5 stelle EuroNcap, da quando è stata lanciata nel 2018. Il Ford Co-Pilot, come insieme di tecnologie di assistenza alla guida, ideate per consentire un’esperienza a bordo ancora più intuitiva, in grado di ridurre lo stress, e di renderla, al contempo, più ricercata, include: l’Adaptive Cruise Control (ACC), disponibile con Stop&Go, Speed Sign Recognition e Lane-Centring, supporta l’auto nel mantenimento della distanza di sicurezza dai veicoli che lo precedono e riduce lo stress durante i lunghi viaggi, contribuendo a mantenerla centrata nella sua corsia; l’Adaptive Front Lighting System con Predictive Curve Light e Sign-based Light, è in grado di pre-regolare l’illuminazione dei fari per la massima visibilità, prima di raggiungere una curva, un incrocio o una rotonda, leggendo, per la prima volta, le informazioni della segnaletica stradale; l’Active Park Assist Upgrade agevola ulteriormente il parcheggio, consentendo manovre completamente automatizzate, sia in parallelo sia in perpendicolare, con la semplice pressione di un pulsante; il display Head-up di Ford (HUD), per la prima volta integrato a bordo di un’automobile destinata al mercato europeo, aiuta i conducenti a mantenere l’attenzione costante sulla strada da percorrere; l’Evasive Steering Assist, tecnologia offerta per la prima volta su vetture di segmento C, aiuta i guidatori a evitare le collisioni derivanti da eventuali veicoli che procedono a rilento o inaspettatamente fermi, presenti sulla strada; il sistema SYNC 3, supportato dallo schermo touchscreen a colori da 8’’ con funzione pinch&swipe consente ai conducenti di controllare le funzioni audio, di navigazione e climatizzazione, oltre che i dispositivi collegati, grazie a semplici comandi vocali. Il sistema offre gratuitamente la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto™, oltre al modem integrato FordPass Connect che trasforma così il veicolo in un dispositivo Wi-Fi hotspot con connettività disponibile fino a un massimo di 10 dispositivi.