Un carro armato da Formula Uno

Carro armato da Formula Uno
Il carro armato leggero della divisione svedese Hagglunds del gruppo inglese BAE Systems. Modificato con sospensioni attive, si è dimostrato in grado di sfiorare i 100 km/h.

Un carro armato da Formula Uno – La divisione svedese del gruppo inglese BAE Systems ha modificato un carro armato CV90 con sospensioni adattive ispirate a quelle della Lotus 99T del 1987 e ne ha fatto il corazzato più veloce sul mercato.

Quando si parla di Formula Uno, una domanda ricorrente è: ma da quest’esperienza cosa può ricavare l’automobilismo di tutti i giorni? Certo non molti si aspetterebbero la risposta che è arrivata da BAE Systems nella primavera di quest’anno: le sospensioni di un carro armato! I lettori di Auto Tecnica hanno già un’idea di cosa sia il carro leggero BAE Systems Hagglunds CV90 perché se ne è parlato, sia pure in un altro contesto (l’applicazione di un rivestimento “invisibile”), su Auto Tecnica N. 391 del febbraio 2014. Si tratta di un veicolo corazzato leggero (35 tonnellate) con motore Scania DSI, un V8 Diesel da 14 litri e 810 HP. Nella versione standard, con sospensioni a barre di torsione, il CV90 (che in realtà è una famiglia di veicoli con diversi allestimenti) arriva su strada a 70 km/h, velocità che, per un carro armato, è decisamente apprezzabile.

Carro armato da Formula Uno
Il carro armato leggero della divisione svedese Hagglunds del gruppo inglese BAE Systems. Modificato con sospensioni attive, si è dimostrato in grado di sfiorare i 100 km/h.

Questa primavera, però, il costruttore, senza scendere in dettagli né fornire date e dati precisi, ha annunciato che, nell’ambito dei continui aggiornamenti studiati per questa famiglia di veicoli militari, ha applicato ad un CV90 (le illustrazioni facevano riferimento alla versione-base CV90120) delle sospensioni adattive sviluppate per un’auto di Formula Uno. Quest’ultima non è stata espressamente identificata dal comunicato ma è certamente la Lotus 99T del 1987 che aveva la caratteristica di mantenere il telaio parallelo alla pista, smorzando i movimenti di rollio e beccheggio. Il sistema del CV90 esplora il terreno davanti al carro e poi, tramite un impianto che si ritiene essere oleopneumatico, ne modifica l’assetto in modo da mantenerlo livellato, contribuendo a diminuire di molto il logorio del treno di rotolamento. Durante i test il CV90 ha ottenuto una velocità massima non rivelata ma che, secondo indiscrezioni, sarebbe stata di 98 km/h, la più alta tra i carri armati sul mercato.

Formula Uno
La Lotus 99T da Formula Uno del 1987, dotata di un sofisticato sistema di sospensioni attive che la mantenevano parallela alla pista, smorzando i movimenti di beccheggio e rollio.