Nissan Qashqai

Siamo abituati a pensare che le motorizzazioni delle Suv richiedano alte cilindrate. Non è il caso della nuova generazione di Nissan Qashqai che oltre ai due motori dCi da 1,5 litri con 110 CV e 1,6 litri con 130 CV è presente sul mercato con un motore a benzina DIG-T da 1,2 litri Turbo con 115 CV. Ed è proprio quest’ultima motorizzazione che abbiamo testato percorrendo un migliaio di km su strade urbane ed extraurbane. Nonostante le dimensioni contenute, la Nissan Qashqai ha energia da vendere e la esprime con accelerazioni più nette e una flessibilità ottimizzata rispetto al 1,6 litri aspirato proposto sulla precedente generazione del modello.

INTERNI CONFORTEVOLI

L’abitacolo lo abbiamo trovato particolarmente confortevole e silenzioso. La posizione di guida rialzata consente al guidatore di avere una migliore visibilità della strada e grazie ai comodi sedili, progettati e costruiti con un occhio di riguardo per la nostra schiena, i lunghi viaggi sono affrontati con maggiore comfort. Pensate che gli ingegneri Nissan, in fase di progettazione, hanno applicato tecniche di scansione prese in prestito dal settore medico e si sono ispirati alla NASA per esaminare la pressione esercitata sulla schiena dei passeggeri seduti e gli effetti sulla circolazione sanguigna. Sono riusciti quindi a inserire supporti speciali in corrispondenza della zona pelvica, lombare e toracica. Ad aumentare il comfort della nuova Nissan Qashqai ci sono gli ammortizzatori a doppio pistone che esercitano una perfetta azione di smorzamento a entrambi gli estremi del range dinamico. Oltre al canale tradizionale, responsabile delle sollecitazioni a bassa frequenza dei fondi stradali irregolari, ora esiste anche un canale supplementare che assorbe le sollecitazioni ad alta frequenza dei fondi uniformi. Il risultato finale è una guida precisa in qualunque condizione. Grazie all’apertura del portellone di 150 mm più ampia rispetto alla versione precedente e il sistema a doppio pianale, il vano di carico è più flessibile e versatile, come anche la capacità di carico, che si attesta sui 430 litri con il divanetto in posizione, ossia 20 litri in più del precedente modello.

MOTORE

Il nuovo 1,2 litri della Nissan Qashqai è piacevole da guidare, silenzioso e scattante grazie al turbocompressore che aiuta a ridurre emissioni e consumi (solo 129 g/km di CO2 emessi). Durante il nostro test abbiamo rilevato, in un percorso misto un consumo medio di carburante intorno a 6,5 litri/100km. Con il baricentro un po’ alto il rollio in curva è più accentuato, però mantiene bene la traiettoria grazie anche allo sterzo che è stato completamente rivisto con l’introduzione della tecnologia EPAS su tutta la gamma.

DESIGN INTRAMONTABILE

Dal punto di vista estetico la nuova Nissan Qashqai mantiene le caratteristiche da Suv della prima generazione con uno stile crossover ancora più incisivo dalle curve più eleganti e una linea pulita. La carrozzeria è di 20 mm più larga, 49 più lunga e 10 più bassa ma, nonostante la riduzione in altezza, lo spazio per la testa è aumentato di 15 mm e la posizione di guida rimane dominante. Molto attraente la forma della griglia frontale con motivo “V motion” che sarà ripresa anche su futuri modelli Nissan. Sempre sul frontale tutti i modelli sono dotati di luci diurne a Led che producono una luce bianca e nitida e che consumano il 50% in meno di energia, mentre nella parte posteriore i gruppi ottici, sempre a Led, hanno il disegno a boomerang; il che conferisce una certa eleganza e aggressività sia di giorno sia di notte. Anche in questa nuova versione sono presenti tre diversi allestimenti: Visa, Acenta e Tekna. L’allestimento Visa comprende di serie le luci diurne a Led, clima manuale, connettività bluetooth, Hill Start Assistant (assistenza partenza in salita) e uno schermo a colori da 5″ per l’infotainment.

SICUREZZA AL TOP

Per la sicurezza ci sono 6 airbag, il dispositivo di controllo del telaio che ottimizza il comfort di marcia e la tenuta di strada, il sistema di monitoraggio di pressione dei pneumatici, cruise control e limitatore di velocità con comandi al volante. I modelli Acenta offrono in più il clima automatico bizona, volante e pomello rivestiti di pelle, cerchi in lega da 17″, bagagliaio con doppio fondo modulare, fendinebbia e sensori pioggia. Per avere l’allestimento top di gamma si passa alla versione Tekna che prevede fari Bi-Led, cerchi in lega da 19″, barre longitudinali al tetto, sedili di pelle e tessuto, tetto panoramico di cristallo, sedili riscaldabili, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, sistema NissanConnect di ultima generazione con schermo touchscreen da 7″. Nonostante le previsione di vendita su quasi tutti i mercati siano a favore della versione a trazione anteriore, è disponibile anche la trazione integrale ALL MODE 4×4-i, abbinata al cambio manuale a 6 marce.

Testo di Diego Marinello