Motor Show 2016: il Motor-Shock

Motor Show 2016
Motor Show 2016

La crisi economica aveva assestato un colpo decisamente molto brutto, al mercato dell’auto negli anni passati: l’eco di questo fendente si è avvertito soprattutto sulle manifestazioni che hanno visto un massivo calo dei partecipanti. Tuttavia, grazie alla ripresa dell’economia mondiale, anche questa situazione finalmente sta volgendo al termine, mentre le case automobilistiche vedono la luce al di fuori del buio tunnel: secondo gli analisti, infatti, nel 2017 verranno immatricolate in Italia oltre due milioni di autovetture, con una crescita dell’11% rispetto all’anno precedente.


GLI ANTICHI FASTI

Motor Show 2016

Il Motor Show di Bologna, storica manifestazione che si tiene nel mese di dicembre nel capoluogo emiliano, quest’anno festeggia i suoi 40 anni: correva il 1976, infatti, quando aprì i battenti per la prima volta quella che sarebbe diventata una pietra miliare dell’automobilismo all’Italiana. Il Motor Show di Bologna nasceva con l’interno di essere un’alternativa ai saloni più tradizionali già presenti all’epoca, come quello di Torino e quello di Ginevra; e per promuovere lo stile fresco e frizzante della manifestazione ci si affidò ad un vero “catturapubblico” come Sandro Munari allo scopo di gestirlo bene, correndo sul filo che distanzia l’istituzionalità e l’eccentricità.

Auto piccole, auto grandi, moderne, d’epoca, competizioni, spettacoli, conferenze e molto altro: questo era il Motor Show, che nel polo fieristico di Bologna attraeva appassionati grandi e piccini. Almeno questo fu fino al 2012: l’edizione del 2013, infatti, fu annullata proprio in virtù delle difficoltà economiche del settore. La stessa sorte toccò all’edizione del 2015; e nel 2014 le cose non andarono tanto meglio, dal momento che, sebbene l’affluenza superò i 300.000 visitatori, il numero di espositori si fermò a 19 (sì; diciannove…).


LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA

Motor Show 2016

L’edizione del 2016 si propone di riportare il nome della manifestazione in alto, annoverando tra gli espositori marchi come Pagani, come Lamborghini, come Jaguar, Mercedes-AMG, Alfa-Romeo, Maserati e molti altri; e non mancano anche gli altri espositori, come le collezioni private di automobili d’epoca ed il mondo dell’aftermarket che quest’anno è molto sentito sia dall’organizzazione che dal pubblico. Tanti eventi, inoltre, dedicati a quella che sarà l’officina del futuro, con la collaborazione di marchi come OSRAM, Petronas, TEXA e tanti ancora.

Altro fulcro dell’edizione 2016 del Motor Show di Bologna è il rapporto tra l’IoT (Internet of Things) e l’automotive, allo scopo di rendere le autovetture sempre più connesse tra di loro: l’auto, infatti, sta cambiando radicalmente, ed immaginarla sconnessa dalla rete non è più possibile. Assistenza telematica, servizi di SOS, personalizzazione web-based, download degli aggiornamenti OTA (over-the-air) e chi più ne ha più ne metta: la vettura è diventato un vero e proprio centro di informazione ed intrattenimento, elevando il vecchio concetto del mezzo di trasporto.


IERI ED OGGI

Motor Show 2016

Gli amanti dell’amarcord troveranno nell’edizione 2016 del Motor Show di Bologna pane per i loro denti: collezioni private di auto d’epoca, partecipazione di club di auto e moto storiche e, grande chicca, le storiche vetture di Formula 1 che tornano a ruggire nella MOTUL Arena presente all’interno dell’Area 48. Alcuni modelli? La Ferrari 312T di Lauda e Regazzoni, la Wolf WR7 di James Hunt, la Minardi PS04B (basata sulla Arrows A23) di Baumgartner e via discorrendo.

Presente al Motor Show anche CarraraFiere ed il 4×4 Fest: il salone europeo dedicato al mondo del SUV e del Fuoristrada, infatti, è stato visitato da oltre 32.000 spettatori, avendo grande risonanza e giungendo fino a Bologna dove mette a disposizione dei visitatori un proving-ground per testare in varie condizioni veicoli di questo settore.


MAGGIORI INFORMAZIONI

Motor Show 2016

Per tutte le altre novità sul Motor Show di Bologna e per conoscere prezzi dei biglietti, come raggiungere la manifestazione e quali sono gli eventi in programma è possibile visitare il sito internet ufficiale www.motorshow.it.