Mini Cooper 5 porte – Ultimo atto: il motore, la trasmissione e il sistema di sospensione

Una promessa è una promessa. A suo tempo scrissi che questa prova della Mini 5 porte si sarebbe conclusa con alcune note tecniche su motore e trasmissioni.
Partiamo quindi dal 3 cilindri: 1.499 cc, 136 CV di potenza massima e una coppia di 220 Nm disponibile tra i 1.250 giri/min e i 4.000 giri/min (230 Nm con Overboost). È un’unità che potete utilizzare in tre modalità differenti: Green, se siete attenti al portafogli, Mild, se il costo è ancora un problema, ma volete un po’ più di prestazione e Sport se i costi sono secondari, ma il go-kart feeling e tutte le potenzialità del tre cilindri sono il vostro obiettivo. Con il setup posizionato sui livelli di massima prestazione otterrete uno scatto da 0 a 100 km/h in soli 8,2 secondi e una velocità massima di 207 km/h.

Mini Cooper 5 porte interni

Si tratta di un propulsore dotato di turbocompressore, iniezione diretta (con iniettori posizionati nella zona centrale della camera di combustione) e fasatura variabile sia allo scarico, sia all’aspirazione, il noto doppio VANOS, così come amano chiamarlo all’interno del gruppo BMW-MINI. Il cambio montato sull’esemplare da noi testato è un sei rapporti automatico che si caratterizza per innesti molto dolci e rapporti ben scalati. All’occasione, lo Steptronic può essere utilizzato anche in modalità sequenziale, ma posizionato in Drive fa il suo lavoro egregiamente, soprattutto se si tratta della tipica giornata in cui le vostre velleità di pilota possono essere temporaneamente accantonate.
Chi cerca il go-kart feeling non verrà deluso. Basta posizionare la ghiera sotto il cambio in Sport e i giochi sono fatti. Tutto merito dell’avantreno MacPherson, del posteriore multilink, di un’elevata rigidezza della scocca e, infine, ma certo non in ordine di importanza, dell’ottima taratura del servosterzo elettromeccanico Servotronic. Ereditando un po’ tutta la filosofia BMW, anche questa nuova Mini vanta soluzioni progettuali tipiche di chi vuole costruire un’auto di impronta prettamente sportiva. Ne sono un esempio tipico i bracci anteriori in lega di alluminio, il baricentro molto basso, gli acciai altoresistenziali per la realizzazioni delle zone di attacco del comparto sospensioni e le due barre antirollio. Lo sterzo, del tipo a pignone e cremagliera, vanta un rapporto di demoltiplicazione di 14,2:1, mentre in configurazione di base, potenza e coppia vengono trasmesse a terra da ruote con misure pari a 175/65 R15 84H. Insomma, è quasi la solita Mini se non fosse per le due porte in più, per il maggior spazio e per una linea un po’ meno sbarazzina, ma comunque sempre molto originale. Ottimo anche l’impianto frenante con dischi sia all’anteriore, sia al posteriore, con quelli anteriori autoventilanti.
Le ultime informazioni che vi potrebbero essere util sono quelle relative alle dimensioni. La Mini con gli ormoni raggiunge una lunghezza di 3.982 mm, una larghezza di 1.727 mm, un’altezza di 1.425 mm e un passo di 2.567 mm.

Mini Cooper 5 porte motore

Mini Cooper 5 porte cerchi

Mini Cooper 5 porte

Mini Cooper 5 porte comandi