2010 – Il tuning in piena regola

2010 – Il tuning in piena regola. Kit originali consentono di modificare in piena regola le vetture bavaresi. Tutto viene svolto nel rispetto del Codice della Strada: dal mantenimento della garanzia fino al collaudo del veicolo con l’aggiornamento della Carta di Circolazione.

Spesso nelle pagine di Auto Tecnica abbiamo parlato dell’elaborazione delle vetture e della rigidità del Codice della Strada italiano, che in gran parte limita le possibilità di azione in questo appassionante settore. Le ragioni di queste rigide scelte sono principalmente legate alla sicurezza stradale e al differente comportamento che la vettura, una volta elaborata, potrebbe avere. Per ogni modifica il veicolo deve essere sottoposto a un nuovo collaudo, e le modifiche derivanti devono essere riportate sulla Carta di Circolazione. L’esempio più banale è la modifica dei pneumatici, che se non sono riportati sulla Carta, non possono essere montati sul veicolo, anche se in verità negli ultimi anni le Case si premurano di inserire, in sede di omologazione, più misure proprio per ovviare a questo inconveniente. Resta il fatto che tutte le altre operazioni di modifica, a partire da quelle che hanno dirette ripercussioni sulle prestazioni, richiedono necessariamente il collaudo del veicolo. Per venire incontro alla richiesta sempre più frequente da parte dei suoi clienti, BMW ha messo a punto una serie di kit originali, che vengono montati direttamente nelle officine BMW. In seguito all’istallazione, sono le officine stesse che si preoccupano di svolgere tutte le operazioni burocratiche che il Codice richiede, dal collaudo all’aggiornamento della Carta di Circolazione. Finalmente è così possibile offrire ai clienti, non tanto e non solo il mantenimento della garanzia della vettura a fronte di una elaborazione, ma anche il totale rispetto delle normative vigenti, con tutte le implicazioni del caso, comprese quelle nei confronti delle compagine assicurative. Sviscerati i pur importantissimi oneri burocratici, senza il disbrigo dei quali non si potrebbero realizzare le trasformazioni, analizziamo i rilevanti aspetti tecnici di uno di questi Kit Tuning Motore.

Appartenente alla linea degli Accessori Originali BMW Performance, questo kit si rivolge alle motorizzazioni top di serie 1 e serie 3. In particolare 135i, 335i e 335i xDrive. L’incremento di potenza viene ottenuto attraverso la rimappatura dell’elettronica del motore. Tale aumento di potenza implica alcune modifiche all’impianto di raffreddamento necessarie per lo smaltimento di una aumentata quantità di calore prodotta dal propulsore così elaborato. Ma vediamo in dettaglio le componenti: software per la rimappatura del motore, nuovo telaio di sostegno per un più efficiente ventilatore da 850W, radiatore acqua supplementare in alluminio, piastra di sostegno, tubi flessibili per l’acqua, presa d’aria in plastica dedicata e fascio di cavi elettrici modificato con nuovo relè. Il ventilatore sostituisce quello di serie, il radiatore aggiuntivo viene collocato nella parte anteriore sinistra del cofano motore, in corrispondenza della presa d’aria, che viene modificata per deviare in modo perfetto il flusso aerodinamico per lo smaltimento del maggior calore prodotto dal propulsore così elaborato. Il pool di ingegneri motoristi appartenenti al BMW Group ha progettato, ma soprattutto sottoposto a severi collaudi, ciascuna componente del kit per consentire al cliente di mantenere inalterata la garanzia della vettura. Sono così rispettati tutti i severi standard qualitativi della linea di produzione BMW, nel totale rispetto delle norme di sicurezza del veicolo. Solo l’uso dei kit originali permette di ottenere un significativo incremento di potenza preservando l’affidabilità per lasciare intatti i diritti di garanzia del cliente. Vediamo ora in dettaglio le specifiche numeriche del kit. La potenza massima passa da 225 kW (306 CV) a 240 kW (326 CV), al medesimo regime di rotazione (5.800 giri/min). La già notevole coppia di 400 Nm, disponibile in modo uniforme da 1.300 giri/minuto fino a 5.000 giri/min, sale a 430 Nm (450 Nm per le versioni con cambio automatico) nello stesso ampio arco di regime di rotazione. Le prestazioni subiscono notevoli miglioramenti: l’accelerazione da 0 a 100 km/h si abbassa di 0,2 secondi, passando da 5,6 s (5,8 s nella versione automatica) a 5,4 s (5,6 s). Il notevole incremento di coppia migliora anche l’elasticità, limando così ancora mezzo secondo nell’accelerazione da 80 km/h a 120 km/h, e i 6,3 secondi della versione di serie scendono a 5,8 con il kit. Alcuni fortunati sostenitori del Marchio bavarese hanno già avuto modo di provare il Kit in pista, installato su una grintosa ma pur sempre elegante BMW Serie 3 335i. Durante lo svolgimento della prova di Imola del WTCC i piloti del team BMW hanno fatto saggiare agli appassionati le aumentate performance della Serie 3 elaborata con il nuovo Kit Motore BMW Performance. Naturalmente il tuning della BMW 335i non riguardava soltanto i componenti meccanici. Erano state così montante le griglie frontali nere, perfettamente integrate con la colorazione, anch’essa nera, della vettura. A completare l’opera la E90 (sigla che identifica l’ultima BMW Serie 3) montava i cerchi in lega “styling 313” da 19 pollici. Nella stessa sessione di prove presso il circuito Santerno di Imola, svoltasi durante la prova del WTCC lo scorso settembre, era presente anche una BMW Serie 1, una 123d corposamente equipaggiata con numerosi accessori originali della linea BMW Performance. Dal pacchetto aerodinamico, al kit freni maggiorati, fino ai cerchi in lega “styling 269” da 18 pollici; completavano l’opera esterna gli specchietti retrovisori laterali in carbonio. All’interno trovavano posto i sedili e il volante sportivo, uniti a profili e modanature in carbonio.

Il catalogo degli Accessori Orginali BMW Performance è ricchissimo di componenti che contribuiscono a personalizzare le vetture dei clienti, rendendole sia accattivanti dal punto di vista estetico, sia maggiormente funzionali per un impiego ancor più sportivo. Gli accessori originali permettono così ai clienti di avere prodotti di alta qualità, sia costruttiva sia progettuale, che si integrano armoniosamente e perfettamente con il veicolo. Solo chi ha progettato l’aerodinamica di una vettura è in possesso di tutti gli elementi che permettono di costruire nuove appendici aerodinamiche, in grado di integrarsi funzionalmente con le forme e gli stilemi del progetto, migliorando e sfruttando al meglio i flussi d’aria a velocità differenti. Nella lunga carrellata del catalogo trovano posto per prime le appendici aerodinamiche in fibra di carbonio, composte da spoiler posteriori e anteriori e filanti specchietti con forte richiamo all’impiego sportivo e alle competizioni in circuito. Non possono mancare i kit per migliorare il controllo, la direzionalità, la frenata e la tenuta di strada del veicolo. Trovano posto differenti kit freni, già omologati e quindi che non necessitano di ulteriore collaudo, con dischi autoventilanti e forati con pinze freno in allumino di colore giallo/oro, per conferire grinta dietro le sottili razze degli eleganti e grintosi cerchi in lega. Di sostanza, perché non visibili immediatamente dall’esterno, i kit riguardanti l’assetto, con differenti molle, sempre di colore giallo/oro, silent-block, supporti e montanti per nuovi ammortizzatori, ma anche una bellissima traversa delle sospensioni, più nota in ambito sportivo come “barra duomi”, in grado di aumentare sensibilmente la rigidità torsionale di tutta la scocca. Costruita interamente in carbonio, migliora il comportamento dinamico della vettura, e rende particolarmente “racing” la vista a cofano aperto, con quel tocco di alta tecnologia che solo le fibre di carbonio sono in grado di conferire. Piatto forte degli accessori BMW Performance sono i cerchi in lega a doppi raggi, elegantissimi e “leggeri” consentono di ridurre il peso delle masse non sospese e il perfetto smaltimento del calore dissipato dai freni, lasciandoli particolarmente bene in vista, sia a vettura ferma, sia in movimento. Aspirazione e scarico non sono trascurati, così nel catalogo trovano posto un differente cassonetto di aspirazione con presa d’aria dinamica e coperchio sempre in carbonio. Gli scarichi in acciaio inox migliorano la sonorità e le performance senza inconvenienti in quanto sono già omologati e non richiedono ulteriori collaudi. Per gli interni oltre ai sedili super sportivi, conformati esattamente come quelli da competizione, compreso il passaggio per le cinture di sicurezza a quattro punti, il posto d’onore è certamente occupato dal volante con rivestimento in nappa e cuoio per il massimo della presa, dotato di un pratico display a LED in grado di indicare la marcia inserita e le informazioni del computer da gara, che dialoga con la vettura direttamente attraverso il CAN-bus. In grado di memorizzare sino a trenta tempi sul giro, il computer da gara gestisce fino a nove settori intermedi e tutto ciò che occorre per tenere sott’occhio, senza distrazione alcuna dalla guida, le performance della vettura. Completano l’opera le pedaliere in alluminio e una lunga serie di modanature in carbonio o pelle come l’ergonomica leva dello sportivissimo cambio automatico, sulla quale la mano poggia con grande naturalezza.

Federbein